Principale Altro Harman Kardon SoundSticks II
Altro

Harman Kardon SoundSticks II

DiDan Frakes 16 ottobre 2009 3:00 PDT

A prima vista

Valutazione dell'esperto

Professionisti

Contro

Il nostro verdetto

L'oggetto di questa recensione potrebbe indurre alcuni lettori a ricontrollare la data di pubblicazione. Dopotutto, il sistema di altoparlanti SoundSticks II di Harman Kardon, il successore universalmente compatibile degli originali SoundSticks solo per Mac, è in circolazione da molti anni. Ma in un mercato in cui i prodotti durano raramente un anno, il fatto che i SoundSticks II siano ancora disponibili la dice lunga sulla capacità di resistenza del sistema: in parole povere, l'eccezionale popolarità ha prolungato la durata di conservazione dei SoundSticks II. Parte di questo fascino è senza dubbio dovuto al design accattivante di SoundSticks II, ma il sistema offre anche prestazioni impressionanti a un prezzo ragionevole.

Il SoundSticks II è un sistema di altoparlanti 2.1, il che significa che utilizza satelliti sinistro e destro più piccoli per le frequenze più alte insieme a un componente subwoofer/amplificatore più grande per le frequenze più basse. Niente di speciale lì. Ma le curve e le forme di SoundSticks II sono davvero uniche, così come i suoi gusci di plastica trasparente, che ti consentono di vedere tutto all'interno: cavi, transistor, lo chiami.



L'unità subwoofer, alta 10,2 pollici e diametro 9,2 pollici, rimane, a tanti anni dalla sua introduzione, sbalorditiva nel suo aspetto: l'involucro completamente trasparente sembra più una gelatina marina che un alloggiamento per altoparlanti, con una parte superiore simile a un toro che ospita porta dei bassi dell'unità. All'interno c'è un driver da 6 pollici supportato da 20 Watt di potenza. Nella parte posteriore, vicino al fondo, c'è una luce blu che favorisce l'aspetto subacqueo: seduto al buio, sotto una scrivania, l'unità subwoofer di SoundsSticks II ricorda una gelatina retroilluminata che nuota in un video di Discovery Channel. (Seduta Su una scrivania: a molti utenti piace così tanto l'aspetto del sub da non volerlo nascondere sotto: questa luce blu è molto meno evidente.)

I due satelliti assomigliano molto a grandi provette di vetro, alte 10 pollici e 2 pollici di diametro. Ma invece di ospitare un singolo driver o due driver di dimensioni diverse, come la maggior parte degli altoparlanti satellite, ciascuno dei satelliti di SoundSticks II sfoggia quattro driver, ciascuno di un pollice di diametro. Il sistema fornisce 10 Watt di potenza a ciascun satellite e gli involucri dei satelliti sono, come il sub, portati per migliorare la risposta alle frequenze più basse.

Ogni satellite è supportato da un anello metallico da 3,3 pollici rivestito in gomma antiscivolo. Il peso di questa base - ogni altoparlante pesa un sorprendente 1,5 libbre - fornisce una buona stabilità per l'array alto e sottile sopra. Stranamente, queste basi sono le uniche parti del sistema SoundSticks II che si scontrano con il design generale. Il rivestimento in gomma su metallo con finitura ruvida conferisce alle basi una sorta di aspetto glitterato che non si adatta all'aspetto liscio e trasparente di tutto il resto.

Ogni satellite è collegato alla sua base tramite un'intelligente cerniera in metallo che consente di ruotare il corpo dell'altoparlante indietro e in basso, a qualsiasi angolazione, dalla verticale all'orizzontale. Ciò ti consente di posizionare l'altoparlante in modo che i driver siano puntati direttamente alle tue orecchie, fornendo le migliori prestazioni sugli alti, indipendentemente da quanto sia bassa la tua scrivania. La cerniera è facile da riposizionare, ma abbastanza stretta da poter essere tenuta in qualsiasi angolazione.

Nonostante il design sofisticato, il sistema ha un set piuttosto semplice di funzionalità audio e di connessione. La parte posteriore del subwoofer ospita solo un jack di alimentazione; un cavo da 6 piedi collegato in modo permanente per il collegamento del computer (il cavo termina con una minipresa stereo); un dongle da 3 pollici per il collegamento dei due satelliti; e un quadrante per la regolazione dell'uscita dei bassi. Nel mio ufficio, impostare il livello dei bassi a circa un terzo del massimo offriva il miglior bilanciamento tonale.

Allo stesso modo, l'unica connessione su ciascun satellite è un cavo permanente da 6,3 piedi per collegare il satellite all'unità subwoofer. Il cavo di ogni satellite ha una presa diversa, quindi non c'è il rischio di collegare il satellite di destra all'uscita di sinistra o viceversa. Capire quale parlante è di destra e quale di sinistra, invece, è un po' una sfida: né il satellite è etichettato, né il jack di uscita sul subwoofer. Anche nel manuale mancano queste informazioni importanti. (Le due spine sono di colori diversi, ma invece di utilizzare l'approccio standard rosso per destra, bianco per sinistra, le spine sono semplicemente diverse tonalità di grigio.)

Oltre a questo, l'unica altra caratteristica che troverai sono un paio di pulsanti del volume in metallo sensibili al tocco, anche se nessun indicatore del livello del volume, vicino alla base dell'altoparlante destro. Tocca e tieni premuto un pulsante con il dito nudo per abbassare o alzare il volume; toccare entrambi i pulsanti contemporaneamente per attivare e disattivare l'audio. Sfortunatamente, non c'è alcun ingresso aggiuntivo per collegare una seconda sorgente audio come un iPod o un iPhone, né si ottiene un jack per cuffie su entrambi i satelliti, caratteristiche comuni sugli altoparlanti del computer in questa fascia di prezzo. In effetti, non c'è nemmeno un pulsante di accensione sul sistema; la luce blu sul subwoofer si illumina 24 ore su 24, 7 giorni su 7, a meno che non si scolleghi fisicamente il cavo di alimentazione.

Per fortuna, Harman Kardon non ha lesinato sulle prestazioni audio. Il sistema SoundSticks II offre un'ottima qualità del suono, specialmente quando si tratta di dettagli sugli alti e frequenze medio-alte (sicuramente grazie all'array di quattro tweeter in ciascun satellite). Le prestazioni dei medi sono buone, anche se leggermente arretrate rispetto agli alti, specialmente a volumi più alti.

La risposta dei bassi del sistema è abbastanza buona per un sistema 2.1 in questa fascia di prezzo, con un avvertimento: resistere alla tentazione di alzare il livello del subwoofer. Come ho detto sopra, ho finito per impostare questo livello a solo un terzo del massimo; troppo al di sopra di questo nel mio ufficio e il basso diventava prepotente e faticoso. Ma impostati correttamente, i SoundSticks II hanno mostrato i chiari vantaggi di avere un subwoofer separato: il sistema è stato in grado di produrre frequenze che nemmeno il migliore dei sistemi 2.0 che abbiamo testato potrebbe raggiungere. Mentre la risposta dei bassi ha iniziato a diminuire appena sopra gli 80 Hz, era ancora abbastanza forte fino a circa 65 Hz.

Il sistema può anche suonare abbastanza forte, nonostante la potenza relativamente bassa. Ho notato un certo rimbombo nella gamma da 100 a 125 Hz a volumi più alti su tracce particolari, ma nel complesso il sistema può facilmente riempire una stanza di dimensioni decenti con un suono di qualità.

Un'altra cosa degna di nota è che il sistema ha un punto debole sorprendentemente piccolo, la posizione, direttamente nel percorso dei tweeter, in cui le frequenze più alte suonano meglio, nonostante abbia quattro driver per satellite. Harman Kardon menziona anche questa limitazione nella guida all'installazione inclusa. Tuttavia, se utilizzerai i SoundSticks II alla tua scrivania, potresti non notare mai questo problema; è più evidente quando si ascolta il sistema dall'altra parte di una stanza o quando ci si sposta.

Sebbene i SoundSticks II non dispongano di tutte le funzionalità di altri altoparlanti per computer (più ingressi, controlli per alti e bassi, un jack per cuffie... un interruttore di alimentazione), è facile capire perché Harman Kardon ha tenuto il sistema in funzione per così tanto tempo. L'aspetto dei SoundSticks II rimane diverso, in senso positivo, da qualsiasi altra cosa sul mercato e il sistema offre un'ottima qualità del suono per il prezzo (soprattutto ai prezzi di strada, che sono circa $ 130). Coloro che preferiscono un audio ricco e caldo potrebbero rimanere delusi, così come coloro che preferiscono bassi stretti e precisi (anche se, ad essere onesti, non troverai molto di questi ultimi in questa fascia di prezzo). Ma se i tuoi gusti si orientano verso un chiaro dettaglio degli acuti con un impatto sui bassi, ti piaceranno davvero questi diffusori.