Principale Software Adobe non sta uccidendo Flash, cambia solo il nome dello strumento che lo produce
Software

Adobe non sta uccidendo Flash, cambia solo il nome dello strumento che lo produce

Novità Adobe sta cambiando il nome di Flash Professional in Animate CC per ricordarti che supporta anche i formati moderni. Collaboratore, TabletS 1 dicembre 2015 7:14 PST

Punteggio uno per il compianto Steve Jobs . Adobe sta cambiando il nome di Flash Professional CC, il suo strumento di animazione web, in Anima CC . L'obiettivo è riflettere accuratamente la realtà che gli sviluppatori web utilizzano lo strumento anche per creare contenuti HTML5— oltre un terzo di tutti i contenuti creato con l'app, secondo Adobe.

In un post sul blog annunciando il cambiamento, Adobe ha attribuito a Flash il merito di aver spinto in avanti il ​​web. Ma la società ha anche ammesso che HTML5, che è più amichevole con le batterie del laptop e non l'incubo della sicurezza che Flash è diventato, è maturato abbastanza per essere la piattaforma web del futuro su tutti i dispositivi.

hub usb-c per ipad air

A tal fine, Adobe sta aggiornando Animate CC a gennaio con nuove funzionalità, oltre a rilasciare un Lettore video HTML5 per i browser desktop.



Ma Flash non se ne andrà. Animate CC continuerà a supportare la creazione di Flash, insieme a HTML5, WebGL, video 4K e SVG. E continuerai a imbatterti in contenuti online che richiedono Flash Player, come i giochi di Facebook e, sì, anche alcuni video Flash. Adobe afferma che Facebook invierà informazioni di sicurezza ad Adobe in modo che l'azienda possa migliorare la sicurezza di Flash Player. Il post sul blog di Adobe menziona anche la collaborazione con Microsoft e Google per garantire la compatibilità e la sicurezza continue dei contenuti Flash nei browser.

La storia dietro la storia: Nell'elenco dei partner di Adobe manca Apple, che ha smesso di raggruppare Flash con i nuovi Mac cinque anni fa e in seguito ha aiutato Adobe nella sandbox di Flash Player in Safari per limitare i potenziali danni se Flash Player è stato compromesso. La controversa relazione di Apple con Flash risale alla decisione di Apple di non consentire Flash su iPhone e iPad, attenendosi invece a standard aperti come HTML5, CSS e JavaScript. Steve Jobs ha scritto una lettera aperta chiamata Pensieri su Flash nel 2010, chiedendo ad Adobe di fare... praticamente quello che ha appena fatto.

I nuovi standard aperti creati nell'era mobile, come HTML5, vinceranno sui dispositivi mobili (e anche sui PC). Forse Adobe dovrebbe concentrarsi maggiormente sulla creazione di ottimi strumenti HTML5 per il futuro e meno sul criticare Apple per essersi lasciata alle spalle il passato.

Al tempo, Adobe ha risposto al fuoco accusando Apple di [fare] un passo che potrebbe minare questo prossimo capitolo del web, riferendosi al passaggio tra la navigazione desktop e mobile. Ora, Adobe sta anche elogiando HTML5, dicendo: 'Guardando al futuro, incoraggiamo i creatori di contenuti a costruire con nuovi standard web'.

In altre parole, non Flash.

come eseguire il mirroring dello schermo su mac